Tutto ciò che devi sapere sulla vitamina C

La vitamina C o acido ascorbico è una molecola estremamente interessante dal punto di vista delle sue proprietà e del suo profondo coinvolgimento con la fisiologia umana. Esiste ancora molta disinformazione sull’argomento e la prima cosa de chiarire è che questo micronutriente è un alimento e non una medicina.

Le dosi giornaliere che vengono raccomandate per quanto riguarda vitamine e minerali sono i quantitativi minimi che consentono di rimanere in vita ed evitare patologie direttamente collegate a una carenza ma questi valori possono ovviamente variare nel tempo e anche nella realtà sono stati ritoccati molte volte.

Vitamina C: sistema immunitario e collagene

Per quanto riguarda la vitamina C ne vengono consigliati dai 60 ai 240 mg ogni giorno: i dosaggi minimi non sono quelli consigliati per il benessere dell’organismo bensì semplicemente per la sua sopravvivenza. Ecco allora che da tale punto di vista bisogna partire per considerare l’importanza delle vitamine: si può rimanere in vita anche mangiando un arancia ogni tanto ma per garantire il benessere e prevenire o curare determinate patologie probabilmente andranno scelti dosaggi molto diversi!

L’uomo di oggi non riesce (più) a produrre autonomamente l’acido ascorbico e come hanno osservato alcuni scienziati, constatando una scoperta semplice quanto sconvolgente, solo scimmie e uomo muoiono d’infarto, nessun altro animale al mondo soffre di questo problema.

L’acido ascorbico infatti è coinvolto in un elevato numero di reazioni chimiche tra cui il potenziamento del sistema immunitario e la sintesi di nuovo collagene che rinforza i vasi sanguigni, i muscoli, lo scheletro e la pelle. La maggior parte degli animali sa sintetizzare vitamina C – tranne l’uomo  e le scimmie appunto – a livello del fegato, in proporzione al relativo peso corporeo. Per quanto riguarda l’uomo si parlerebbe di 10-12 g al giorno.

Il collagene corrisponde a un terzo del peso corporeo e una sua mancanza o carenza si riflette nelle ossa provocando osteoporosi, sulle articolazioni determinando artriti e artrosi, sui vasi sanguigni, generando problemi come ipertensione, infarto e ictus, nella pelle, provocando perdita di elasticità e invecchiamento precoce.

Quanta vitamina C serve e come assumerla

Tutti gli animali producono almeno 10 g di acido ascorbico al giorno, considerando 70 kg di peso, valori che aumentano in caso di infezioni o ferite. La vitamina C è il più potente di tutti gli antiossidanti, capace di bloccare i radicali liberi e prevenire che le cellule si ammalino o invecchino a causa dell’ossidazione.

L’uomo ha perso la capacità di produrre da solo l’acido ascorbico come tutti gli altri animali e quindi l’assunzione di vitamine e minerali del cibo risulta sempre la scelta migliore. Per questioni pratiche però non è possibile introdurre tutto il quantitativo necessario al benessere ogni giorno solo attraverso la dieta e anche se mangiare la frutta fresca rimane la priorità, bisogna considerare anche una integrazione.

Possiamo acquistare vitamina C di derivazione organica oppure sintetica: le molecole sono uguali per il 97% ma quelle che provengono dalla natura, ricavate ad esempio dalla acerola oppure dalla rosa canina, pur mostrando una percentuale di purezza inferiore, contengono altre vitamine che lavorano in sinergia con l’acido ascorbico, risultando complete.

L’assunzione di acido ascorbico può avvenire per cicli di 2-3 settimane cui farne seguire una di stop, ma ogni individuo può individuare dosaggi e periodizzazioni più adatte alla propria situazione. Quello che si può affermare con certezza è che nella misura di 2 o 3 g al giorno questa vitamina può portare benefici a chiunque ed è un ottimo dosaggio da cui iniziare.

Ogni tre o quattro ore oò nostro corpo espelle tutta la vitamina C che stata assunta indipendentemente dalle quantità ingerite e questo significa che per mantenere elevate le sue potenzialità antiossidanti andrebbe assunta ogni 3-4 ore, specialmente quando sono in corso delle patologie. Un individuo sano può assumere acido ascorbico fino a tre volte al giorno durante i pasti, 1 o 2 g per ogni somministrazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>