Sei un calciatore? Ecco qualche consiglio alimentare da cui prendere spunto

Per praticare al meglio il calcio, alimentazione e integrazione vanno curati con attenzione al fine di incentivare i risultati. È importante infatti valutare il peso e soprattutto la composizione corporea di ogni atleta perché spesso si fa riferimento a quanto segna la bilancia ma non al reale rapporto tra massa magra e grassa.

In qualunque disciplina quindi questo aspetto andrebbe considerato anche in funzione del tipo di attività e dell’individuo. L’alimentazione del calciatore così come quella di altri sportivi, ad esempio pallavolo, rugby, basket, parte dalla considerazione di tre parametri: quantità, qualità e tempistiche di assunzione del cibo e degli integratori.

Aspetto quantitativo nell’alimentazione di un calciatore

La quantità di calorie introdotta va valutata attraverso il dispendio energetico che è influenzato dal metabolismo individuale, dalle attività svolte durante il resto della giornata, dagli allenamenti e ovviamente dalle partite. Per quanto riguarda il dispendio energetico in campo, esso è strettamente correlato al ruolo del giocatore e può variare dalle 300 cal all’ora fino alle 600 calorie. Le condizioni meteo possono elevare il dispendio medio che abbiamo citato, portandolo fino a 1500 kcal complessive.

Dopo la partita, accade spesso che i cacciatori abbiano più sete che appetito e questo può comportare una riduzione nelle quantità di cibo introdotte rispetto al reale fabbisogno. Ciò ostacolerebbe il recupero sia fisico che mentale, peggiorando le performance successive. Dopo la partita e durante l’intervallo tra i due tempi così come durante gli allenamenti, è molto importante utilizzare bevande a base di carboidrati e sali minerali che aiutano a ripristinare gli elettroliti perduti con la sudorazione e a sostenere la performance energetica.

Anche dopo la partita (approfondiremo meglio nell’ultimo paragrafo) sarebbe importante ingerire una bevanda liquida contenente carboidrati ma anche proteine, vitamine e minerali in proporzione per evitare problemi nella fase di recupero e per sostenerlo.

L’importanza della qualità nella dieta di un calciatore

Per quanto concerne l’aspetto qualitativo parliamo della suddivisione dei vari nutrienti che devono corrispondere a circa il 50% di carboidrati, tra il 20 e il 25% di proteine e dal 25 al 30% di grassi. E per quanto riguarda i calciatori il loro fabbisogno di proteine è stimato intorno 1,5 g per ogni chilo di peso a seconda della fase di allenamento, ad esempio se l’atleta si trova in un periodo di massa, è possibile raggiungere i 2 g di proteine per ogni chilo di peso.

Le tempistiche migliori per nutrirsi nel calcio: dieta e integratori

La distribuzione dei cibi nell’arco della giornata va valutata riferendosi all’inizio delle partite, degli allenamenti e alla loro durata. La regola è che trascorrano almeno tre ore dalla fine del pasto che deve essere comunque di semplice digestione e l’inizio dell’attività fisica – a meno che non stiamo parlando di integratori facili da assorbire o situazioni di emergenza.

  1. Per quanto riguarda gli integratori, a colazione è possibile ingerire un multi vitaminico, un multi minerale, acido ascorbico e glutammina, più un integratore di proteine per raggiungere la quota necessaria complessiva qualora non sia soddisfatta attraverso l’alimentazione.
  2. A pranzo così come a cena si può ingerire un complesso di vitamine B con ferro e zinco.
  3. Durante l’attività fisica sono molto utili bevande con carboidrati, sali minerali aminoacidi ramificati, creatina, acido ascorbico e vitamina E.
  4. Durante l’allenamento o la partita si suggeriscono bevande con carboidrati e sali minerali.
  5. Al termine dell’attività fisica una bevanda con carboidrati, sali minerali, proteine o aminoacidi ramificati, glutammina e creatina.
  6. Circa un’ora dal termine dell’attività fisica un frullato altamente digeribile e appetibile con proteine, grassi e carboidrati mentre…
  7. prima di dormire una dose di proteine e di glutammina.

Ovviamente ogni atleta avrà una integrazione altamente personalizzata ma in questa sede vogliamo semplicemente fornire un’indicazione generica da cui prende spunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>