Rimedi naturali ed efficaci per la ritenzione idrica

ritenzione idrica e cellulite

La ritenzione idrica può colpire qualsiasi soggetto ma sono le donne quelle che più frequentemente manifestano gonfiore e pesantezza soprattutto agli arti inferiori. Questo disturbo è in genere collegato a un eccesso di liquido corporeo extracellulare come risultato di una vita sedentaria e/o di una dieta ricca di alimenti raffinati e processati ma anche del fumo o di altri squilibri a livello endocrino. Tali problematiche possono essere contrastate in modo naturale assumendo nella propria dieta o con l’aiuto di integratori alcune sostanze che risultano particolarmente efficaci nella gestione dei liquidi in eccesso e nel drenaggio.

Vitamina C, escina e diosmina

L’acido ascorbico o vitamina C è famoso soprattutto per la sua potenzialità antiossidante tuttavia esplica anche una attività diuretica, migliora il microcircolo e rinforza i vasi capillari nella misura di un grammo al giorno. In condizioni di carenza o difficoltà di assorbimento o di aumentato fabbisogno è possibile ricorrere a integratori naturali a base di vitamina C soprattutto per via sublinguale perché questo tipo di assunzione sembra risultare ancora più efficiente rispetto alle compresse in termini di biodisponibilità.

Un’altra molecola molto interessante si ricava dal’ippocastano e prende il nome di escina: questa molecola migliora la resistenza dei capillari e ne diminuisce la permeabilità aiutando a ridurre gli edemi soprattutto agli arti inferiori. Stimola inoltre il ritorno venoso e migliora il tono delle pareti delle vene, contribuisce a ridurre il gonfiore alle gambe e la cellulite in un dosaggio di 100 mg al giorno.

Dagli agrumi e dalla betulla si ricava la diosmina, una molecola appartenente alla categoria dei bioflavonoidi molto efficace nel ridurre gli edemi e nel drenare i liquidi in eccesso a livello extracellulare; se ne possono assumere fino a 300 mg al giorno preferibilmente in due somministrazioni distinte e lontane dai pasti.

Centella asiatica e pilosella

Un’altra molecola di cui spesso si sente parlare è la centella asiatica che favorisce il drenaggio delle tossine e aiuta a ridurre le infiammazioni nei tessuti, proteggendo i vasi e risultando molto utile in situazioni di ritenzione idrica, cellulite e gonfiori. Il dosaggio consigliato varia dai 60 ai 180 mg al giorno e gli integratori sono disponibili sia come compressa sia come soluzione idroalcolica da assumere per bocca.

La pilosella è una pianta molto nota in fitoterapia per il trattamento dei gonfiori, della cellulite, degli edemi e della ritenzione idrica: essa aiuta la produzione di urina fino a raddoppiarne il volume e promuove anche il processo di detossificazione del fegato. Può essere assunta come capsule in un dosaggio tra 500 e 750 mg due volte al giorno lontano dai pasti o come tintura madre nella misura di 30 o 40 gocce due volte al giorno sempre lontano dai pasti.

Le indicazioni circa l’efficienza e i dosaggi di questi composti naturali possono variare in funzione del soggetto, dell’età, del sesso e delle abitudini personali. Molto spesso queste erbe possono essere assunte anche sotto forma di tisana, infuso o decotto tuttavia l’assorbimento più efficace si ritiene quello in formato di gocce o compresse per garantire la migliore assimilazione attraverso le mucose e quindi la biodisponibilità e l’emivita di questi principi attivi all’interno del nostro corpo. Inoltre un loro utilizzo sinergico può amplificare i risultati rispetto all’utilizzo di un solo principio attivo senza dimenticare l’importanza di idratarsi adeguatamente e di praticare un’attività fisica mirata al ripristino dell’attività del microcircolo e alla riduzione del fenomeno della ritenzione idrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

//]]>