Resveratrolo e bodybuilding, ecco perché potrebbe servirti

Il resveratrolo è un potente antiossidante cui la ricerca scientifica ha dedicato numerose indagini, anche in ambito sportivo. È ormai nota a tutti infatti la stretta correlazione tra attività fisica e maggiore produzione di radicali liberi in concomitanza ad un’attività particolarmente intensa. Tanti autori hanno infatti sottolineato i processi del corpo umano di adattamento che vengono attivati a seguito di allenamenti particolarmente gravosi dimostrando che la maggiore produzione degli agenti ossidanti tende a danneggiare cronicamente i tessuti e le cellule. Questo quadro genera una maggiore predisposizione a subire danni ai tendini, traumi e infiammazioni.

Se da una parte quindi è vero che lo sport è importante per uno stile di vita sano e previene numerose patologie, non bisogna comunque dimenticare la conseguenza e l’impatto di un’attività fisica intensa – quando non addirittura estrema -.

Resveratrolo body-building: performance e l’ipertrofia

Una nutrita parte della letteratura scientifica ci ha mostrato come all’esercizio fisico intenso faccia seguito un aumento della concentrazione plasmatica dei cosiddetti marcatori dei danni tessuti.

In altre parole questo vuol dire che l’integrazione di vitamine e antiossidanti prima di allenarsi è un’abitudine molto efficace sia per prevenire i danni muscolari, sia per migliorare la performance. Ecco perché nell’ultimo decennio l’attenzione si è rivolta all’utilizzo di composti cosiddetti nutraceutici noti come polifenoli che grazie alla loro spiccata capacità antiossidante si sono abbondantemente diffusi in ambito sportivo. Tra queste molecole approfondiamo oggi il resveratrolo.

Antiossidante a servizio dello sportivo: resveratrolo e benefici

Il resveratrolo fa parte della famiglia dei polifenoli stilbeni e chimicamente risultano molecole liposolubili con una spiccata azione contro gli agenti ossidanti. Il resveratrolo è stato isolato per la prima volta negli anni 90 nel vino e di seguito approfondito per le sue capacità antiradicaliche, antietà e cardio protettive.

Le indagini scientifiche dedicate al resveratrolo si sono moltiplicate nel tempo, cercando di indagare più a fondo gli effetti di questa molecola cui attualmente attribuiamo:

  • capacità antiossidante diretta, disattivando gli agenti radicali
  • capacità antiossidante indiretta attraverso il miglioramento dell’azione di alcuni enzimi
  • potenziamento della vitamina C e della E
  • attività simile a quella svolta dagli estrogeni, utile per la modulazione ormonale
  • proprietà antinfiammatoria.

Quelli che abbiamo elencato finora sono tutti processi che dal punto di vista clinico si traducono in un potente strumento di prevenzione per quanto riguarda le patologie cardiache, cerebrali e metaboliche.

Per quanto riguarda la relazione tra resveratrolo e attività fisica, il culturismo apprezza il suo sostegno indiretto per l’aumento della muscolatura. Il resveratrolo infatti aiuta a sviluppare la resistenza, consente di eseguire un maggiore numero di ripetizioni nonché di sollevare carichi più pesanti: in questo modo tale integratore permette di eseguire workout più performanti e incentivare la crescita dei tessuti.

Inoltre la qualità antinfiammatoria del resveratrolo e il suo sostegno alla funzione vascolare permette di allenarsi con maggiore regolarità e più efficacia, riducendo la presenza degli agenti ossidanti che aumenterebbero la possibilità di traumi e di infortuni.

Integrando il resveratrolo quindi ogni sportivo può sostenere la performance, ridurre il senso di fatica prolungare i tempi di allenamento, incentivare l’aumento della massa muscolare e più in generale ottenere più rapidamente i propri obiettivi.

Il resveratrolo può essere integrato prima di cominciare il workout per ridurre i fattori di rischio legati all’occorrenza di infortuni e come prevenzione del fenomeno dell’over training.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>