Non solo creatina: tutto quello che ti serve per diventare più forte

Tanti utenti si domandano quali siano i migliori supplementi da assumere durante i cicli di forza e di ipertrofia, per ottimizzare l’esborso economico e non acquistare prodotti superflui. Succede spesso di comprare tanti integratori diversi approfittando di offerte. Ma non sempre tutti servono allo scopo, specialmente se vogliamo differenziare quello che ci serve per un periodo di forza o di definizione.

La differenza tra un ciclo cosiddetto di forza rispetto ad un altro di sviluppo massa risiede soprattutto nel tipo di allenamento. Dal punto di vista della dieta e degli integratori possono non esserci particolari differenze soprattutto nell’ambito del culturismo dove comunque anche la fase di aumento forza è sempre rivolta all’ipertrofia.

Gli integratori più adatti per sviluppare la forza

Considerando però il diverso tipo di metabolismo energetico coinvolto a seconda dell’esercizio e le modalità di reclutamento delle unità motorie, possono essere selezionati alcuni integratori più adatti in funzione del traguardo da raggiungere.

Il primo di questi prodotti per l’aumento della forza è la creatina, il principale supporto energetico adatto a tutti gli esercizi, e gli sforzi che si esauriscono nei primi 15 secondi. In secondo luogo un altro prodotto importante è la caffeina che grazie al suo effetto ergogenico riesce ad aumentare la forza stimolando al meglio il sistema nervoso. Considerando poi il ruolo del testosterone nello stimolo delle contrazioni muscolari, anche i booster naturali di questo ormone possono essere molto validi in una fase di forza.

Aumento massa, i supplementi da tenere in considerazione

Per quanto riguarda l’aumento della massa, essa è generata dalla concomitanza di numerosi fattori, dalla sintesi proteica al controllo del catabolismo, dai livelli di insulina, di ormone della crescita, del fattore di crescita, di testosterone, di volume delle cellule, il carico sulle fibre, la miostatina, l’impatto della genetica eccetera.

Il consiglio della maggior parte degli esperti suggerisce nuovamente la creatina considerando anche la sua azione volumizzante, poi la glutammina per via della sua attività di ostacolo al catabolismo ed infine gli aminoacidi ramificati soprattutto per il ruolo della leucina nello stimolo diretto alla sintesi proteica.

Creatina adatta alla forza e all’ipetrofia

La creatina quindi è un prodotto adatto sia alle fasi di forza che di aumento massa: si tratta di una sostanza fondamentale per gli sportivi come sostegno energetico e come stimolo muscolare soprattutto per un’attività fisica a intensità elevata. Utilizzata ultimamente in tanti settori dello sport dal body-building al fitness, la creatina è oggetto di numerose ricerche scientifiche che hanno portato alla scoperta di tante formule per migliorarne l’assorbimento e l’effetto ergogenico.

Tale molecola scoperta nel 1832 per la prima volta, è stata presto messa in correlazione con una attività motoria di qualità superiore e anche oggi le ricerche scientifiche sportive hanno confermato il coinvolgimento dell’aminoacido nei processi di sintesi energetica soprattutto negli sforzi anaerobici – ossia quelli più rapidi ed intensi in cui la creatina ottimizza la produzione di molecole di ATP mettendo a disposizione energia immediatamente pronta all’uso -.

Il 95% di questo aminoacido viene effettivamente utilizzato dal muscolo con effetti importanti in termini di energia e di forza. Tra le diverse formule in commercio troviamo la creatina liquida, in compresse e in polvere. Una delle forme considerate più pure ed efficaci è quella monoidrato con vari brevetti per massimizzare gli effetti della sostanza.

Grazie all’integrazione di questo aminoacido, le concentrazioni di creatina muscolare aumentano in maniera considerevole elevando la capacità di allenamento, la resistenza, l’attenzione e le funzioni neuromuscolari. Inoltre grazie all’effetto volumizzante, la creatina aiuta a gestire i liquidi riducendo l’affaticamento muscolare e ritardando la stanchezza, consentendo all’atleta di sviluppare il proprio massimo potenziale anche durante i workout più faticosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>