Integratori e strategie per ridurre i DOMS

Il dolore ad insorgenza ritardata può manifestarsi quando ci si allena con carichi cui il corpo non è abituato oppure quando gli allenamenti non vengono svolti osservando le giuste tecniche di esecuzione e le angolazioni corrette nei movimenti. Per la maggior parte degli atleti questi dolori sono di lieve entità e scompaiono nel giro di quarantott’ore, a volte però si tratta di fenomeni che possono risultare di entità tale da rendere difficile il rientro in palestra.

Per ottimizzare quindi il recupero e il ripristino di tutte le funzionalità bisogna per prima cosa imparare a riposarsi a sufficienza e curare la propria alimentazione così come scegliere gli integratori adatti. Durante i DOMS infatti il corpo ha necessità di ricevere tutti i nutrienti fondamentali, anche perché nella fase di recupero muscolare troviamo un momento fondamentale anche per l’aumento della massa (e non solo per la sua riparazione).

Come ridurre i dolori ad insorgenza ritardata con gli integratori

I primi integratori da menzionare sono le proteine e gli aminoacidi, nutrienti che possiamo trovare anche sulle nostre tavole ma che tanti sportivi hanno bisogno di aggiungere attraverso un supplemento esterno, quando ce ne è necessità. Per prevenire questi dolori muscolari ad esempio l’utilizzo di un supplemento proteico può risultare sicuramente di sostegno, poiché esso consente una più efficiente riparazione delle fibre muscolari, migliorando sensibilmente la fase acuta del dolore.

Uno studio del 2004 ha osservato tre gruppi di sportivi che hanno integrato rispettivamente carboidrati + grassi + proteine, carboidrati + grassi e una sostanza placebo. I risultati hanno chiaramente dimostrato come solo il gruppo che aveva integrato la miscela che includeva le proteine ha potuto sperimentare minore dolore rispetto agli indolenzimenti registrati negli altri due gruppi.

Per quanto riguarda i ramificati, uno studio del 2010 ha messo a confronto due gruppi di soggetti non allenati qui sono stati somministrati un placebo e un integratore di BCAA nell’ambito di un programma di sollevamento pesi. Le osservazioni hanno evidenziato come l’integrazione sia stata correlata a un miglioramento di tutti i sintomi legati ai dolori ad insorgenza ritardata.

Torna prima ad allenarti con caffeina, acido ascorbico e… riposo

Oltre alle proteine e agli aminoacidi esistono sul mercato altre molecole estremamente funzionali per la riduzione e il contenimento dei dolori muscolari ad insorgenza ritardata. La caffeina ad esempio è da questo punto di vista un principio attivo molto utile che abbatte il dolore nella fase di recupero. Un altro integratore efficace è l’acido ascorbico, meglio noto come vitamina C. Questo potente antiossidante riduce le infiammazioni e consente di ottenere risultati significativi già dopo le prime ventiquattr’ore di somministrazione.

La prevenzione dei DOMS avviene non solo con un’alimentazione equilibrata e la scelta dei giusti supplementi naturali: in primo luogo infatti ogni atleta dovrebbe imparare che è fondamentale programmare nell’ambito del proprio allenamento anche dei giorni da dedicare al riposo, che deve essere assoluto per i neofiti e per coloro che hanno da poco cambiato scheda di allenamento, e che può corrispondere invece a un’attività fisica più blanda a carichi ridotti per i più esperti. Nel primo caso è auspicabile riposare un giorno ogni tre mentre gli atleti avanzati dovrebbero osservare un giorno di detraining a settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>