Integratori diuretici e drenanti per dimagrire?

proteine e dieta

Drenanti e diuretici sono classificati tra gli integratori destinati alla perdita di peso anche se è importante chiarire che pur verificandosi una diminuzione dei chili, il peso perduto corrisponde all’acqua eliminata e non al grasso. Se quindi il tuo intento è quello di migliorare la definizione e ridurre i sintomi della ritenzione idrica questi prodotti possono essere particolarmente adatti.

Si tratta di supplementi naturali sicuri ed efficaci che tuttavia vanno utilizzati seguendo scrupolosamente le indicazioni in etichetta poiché non vanno usati ogni giorno dell’anno ma solo all’occorrenza o comunque in modo misurato, ad esempio nel cambio di stagione. Esistono farmaci specifici con il medesimo effetto ma che vanno assolutamente prescritti dal medico in quanto presentano numerosi effetti collaterali anche severi.

Drenanti, diuretici per la compattezza della pelle

Quelli di cui ci occupiamo sono invece di origine naturale e dall’uso sicuro seguendo le etichette. Tali sostanze si attivano sui liquidi in eccesso accumulati sotto lo strato cutaneo andando a ridurre quindi l’effetto di pelle gonfia e liscia sia sugli uomini che sulle donne.

Tali prodotti quindi migliorano l’aspetto muscolare ma anche quello della pelle e tra le molecole più efficaci si ricorda soprattutto la caffeina che incentiva la diuresi e di solito è presente nella maggior parte delle miscele drenanti e diuretiche. Un’altra sostanza nota per i suoi effetti nei confronti della ritenzione idrica è il tarassaco che presenta molte vitamine e sali minerali; anche il tè verde, dalle qualità toniche e antiossidanti è capace di lavorare con efficacia sia da fuori come impacco e sia dall’interno sotto forma di bevanda o integratore. Gli estratti di carciofo, finocchio, ananas sono largamente utilizzati nella produzione di formule diuretiche e drenanti ma il prodotto da preferire è sicuramente quello che contiene anche minerali come magnesio e potassio oltre agli attivi che abbiamo citato in modo da compensare lo squilibrio di elettroliti che si evidenzia quando andiamo a perdere molta acqua tutta insieme.

Ritenzione idrica, drenanti, diuretici: l’importanza della alimentazione

Nell’ottica di ridurre la ritenzione idrica, accompagnamo all’uso di questi prodotti certamente una dieta povera di sodio (sale), ricordando di bere almeno due o tre litri di acqua al giorno. Il sale Infatti tende a raccogliere i liquidi e quindi ad amplificare la ritenzione idrica. Nel giro di pochi giorni il palato si abitua ai nuovi sapori che comunque possono essere arricchiti di spezie ed altri aromi naturali o salse.

Per quanto riguarda l’attività fisica si possono introdurre alla settimana due o tre sessioni di aerobica o comunque attività fisica cardio per sostenere il dispendio calorico, mantenere attivo il metabolismo… Il movimento interviene anche migliorando direttamente lo stato di ritenzione attraverso le contrazioni muscolari, incentivando i processi di drenaggio e diuresi. Anche la scelta dell’acqua può risultare determinante andando a confrontare le etichette e valutando come preferibili quelle più povere di sodio.

Tali prodotti sono utilizzati in ambito sportivo solitamente prima delle competizioni quando è importante raggiungere una certa soglia di peso e rientrare in una determinata classe di gara, come succede nel culturismo oppure negli sport di combattimento individuali. Nelle competizioni di bodybuilding questi prodotti aiutano ad accentuare la muscolatura ma vengono utilizzati con successo da qualsiasi persona abbia necessità di ridurre la ritenzione idrica e di trattare gli accumuli localizzati di acqua stagnante sotto pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

//]]>