I migliori cibi che aiutano a bruciare calorie

Per perdere il grasso in eccesso è fondamentale intervenire sui propri ritmi metabolici mangiando cibi ricchi sì di nutrienti ma allo stesso tempo con poche calorie: possiamo accelerare il metabolismo e perdere peso facilmente grazie ad alcuni alimenti che aumentano la capacità del nostro corpo di bruciare tessuto adiposo. In particolare dedichiamo l’approfondimento di oggi ad alcuni frutti ricchi di attivi come acido ascorbico e pectina che aiutano a migliorare l’ossidazione lipidica.

Come accelerare il metabolismo con la frutta

Il pompelmo è considerato uno dei frutti dimagranti per eccellenza poiché servono più calorie per digerirlo rispetto a quelle che apporta, favorendo una naturale accelerazione del metabolismo. Un’altra caratteristica del pompelmo sono le sue proprietà diuretiche che aiutano quindi l’eliminazione dei liquidi e delle tossine nonché a ridurre la cellulite eventualmente presente. Il pompelmo consente di bruciare il 50% di grassi in più durante un allenamento così come alcune riviste internazionali hanno pubblicato.

Altri frutti particolarmente ricchi di vitamina C capaci di aumentare il metabolismo sono le arance, le fragole, i lamponi, le more e mirtilli. Le fragole ovviamente senza panna!

Un paragrafo a parte lo meritano i mirtilli, molto efficaci come brucia grassi della regione addominale che aiutano anche a prevenire malattie cardiovascolari e diabete. Uno studio aveva notato che dopo 90 giorni dall’assunzione regolare di un integratore a base di mirtillo, si poteva osservare un miglioramento della sensibilità all’insulina e una diminuzione dei livelli di colesterolo, dei trigliceridi e dello stesso grasso addominale. Un risultato incredibile, che è stato correlato alla presenza degli antiossidanti di cui il mirtillo risulta particolarmente ricco.

Accelerare il metabolismo con tutto il gusto della melagrana, della mela e del cocomero

Il cocomero è costituito per oltre il 90% del suo volume da acqua e questo lo rende già di per sé molto impattate nella eliminazione delle tossine e dei grassi. Ma un’altra sua caratteristica interessante in tal senso è la presenza di licopene di cui anche i pomodori sono molto ricchi e che corrisponde ad una molecola che aiuta a ridurre l’accumulo dei tessuti grassi prevenendo l’insorgenza di malattie cardiache.

Grazie inoltre alla alta concentrazione di citrullina (ubicata per lo più nella buccia e in prossimità di essa), è più facile abbattere il livello di zuccheri nel sangue e facilitare l’eliminazione dei grassi: quando i livelli di zucchero nel sangue infatti risultano inferiori, non manifestiamo sbalzi nè picchi di insulina che generalmente inducono l’accumulo adiposo – specialmente nella regione addominale.

Le mele sono particolarmente ricche di fibre e possono essere consumate anche al termine del pasto, a differenza degli altri frutti (anche l’ananas è un’eccezione alla regola e può essere mangiata dopopranzo o dopo cena). Le mele presentano inoltre una elevata concentrazione di molecole chiamate polifenoli che aiutano a ridurre la glicemia e la trasformazione dei carboidrati in grassi. Grazie alla eccellente presenza di fibre, questo frutto migliora il senso di sazietà, mentre la pectina evita l’assorbimento lipidico nelle cellule – compreso l’assorbimento del colesterolo.

La melagrana infine è considerata uno dei frutti più ricchi di antiossidanti e di catechine che aiutano proprio a ridurre i tessuti grassi nella zona addominale, ad accelerare i ritmi del nostro metabolismo e a migliorare la composizione corporea complessiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>