Glutammina bodybuilding: è un integratore utile?

glutammina muscoli grandi aumento massa

Glutammina bodybuilding è considerato un aminoacido indispensabile che apporta numerosi benefici legati al miglioramento del recupero, al controllo del catabolismo, all’aumento dei livelli dell’ormone GH, alla prevenzione dell’over training. Per comprendere l’utilità di questo prodotto è necessario però approfondire il ruolo della glutammina nel corpo umano.

Sappiamo che le proteine formano i mattoni del nostro organismo per sintetizzare il materiale utilizzato durante i processi cellulari anabolici, che conducono cioè ad un aumento dei tessuti. Gli aminoacidi, che costituiscono le proteine, partecipano al metabolismo energetico: otto di questi sono detti essenziali perché il nostro corpo non li produce direttamente ed è necessario introdurli attraverso il cibo.

La glutammina appartiene agli aminoacidi non essenziali, poiché viene sintetizzato partendo da ammoniaca e acido glutammico: dai tessuti muscolari quindi la molecola viene inviata ad altri tessuti ed organi per assecondare le richieste metaboliche ed energetiche specifiche.

Glutammina bodybuilding: un aminoacido anticatabolico

La glutammina è l’aminoacido più presente nel nostro corpo: essa detiene un importante effetto anticatabolico e di sostegno alla sintesi proteica: il suo utilizzo risulta consigliato per contrastare i danni muscolari indotti dall’attività fisica intensa o da altre situazioni esterne o patologiche.

Numerosi studi in effetti hanno osservato questo ruolo evidenziando un miglioramento nella fase di recupero muscolare, in particolare nell’accumulo di glicogeno, che diventa maggiormente disponibile dopo l’esercizio fisico.

Glutammina bodybuilding: pre e post workout

Un altro ruolo della glutammina è l’ottimizzazione del sistema immunitario: i linfociti e i macrofagi infatti utilizzano questo aminoacido come rifornimento. In condizioni di riposo, il nostro corpo può produrre glutammina a sufficienza rispetto al fabbisogno ma in condizioni di particolare stress o di affaticamento il fabbisogno aumenta e si può verificare più facilmente una carenza.

A questo proposito, un integratore di glutammina può ridurre l’incidenza di patologie e migliorare non solo la salute ma anche il recupero post-workout che è un aspetto che interessa direttamente gli sportivi che si allenano in maniera particolarmente intensa.

Numerosi studi condotti su atleti di powerlifting e bodybuilder hanno mostrato come la glutammina possa incidere soprattutto nella qualità del recupero muscolare, seppure in maniera variabile da soggetto a soggetto. Dal punto di vista clinico si tratta comunque di una molecola particolarmente importante dal punto di vista immunitario ed in caso di situazioni estremamente cataboliche come interventi chirurgici, ustioni e malattie immunodepressive.

L’aspetto che maggiormente rileva nell’ambito di un’attività fisica regolare ed intensa è che la glutammina risulta un supplemento importante per diminuire i dolori derivati dall’allenamento, i cosiddetti DOMS. Questi dolori si manifestano tipicamente uno o due giorni dopo il workout e sono indicatori di un adattamento muscolare allo sforzo.

Glutammina bodybuilding: come assumerla

Per quanto riguarda il dosaggio consigliato in ambito sportivo, la letteratura indica di assumere tra 1,5 e 4 grammi ogni giorno, mentre in ambito clinico i dosaggi possono essere anche raddoppiati in caso di gravi traumi o terapie particolarmente pesanti come la radio o la chemio. Per migliorare l’assorbimento di questo aminoacido si raccomanda di frazionare il dosaggio complessivo in più somministrazioni.

Gli sportivi possono decidere di assumere questo aminoacido insieme a dei carboidrati prima di iniziare l’allenamento, per ottimizzare la prestazione e ridurre i danni ossidativi ma anche al termine dell’allenamento insieme a zuccheri semplici e BCAA per massimizzare la qualità del recupero. Un altro momento ideale per assumere glutammina è a digiuno, possibilmente prima di andare a dormire, in maniera da stimolare la produzione dell’ormone della crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>