Dieta dukan come farla e quando è utile

Dieta dukan come farla e quando

Oggi vogliamo approfondire l’argomento della dieta Dukan come farla e di cosa si tratta, per capire se può esserci utile. Quando si inizia una dieta si pensa sempre al disagio e al sacrificio, ma spesso risulta necessaria per cambiere stile di vita e perdere i chili in eccesso.

Le limitazioni alimentari, i dubbi su cosa si può o non si può ingerire, la mancanza di incentivo e di pazienza, rendono questo processo ancora più ostico. I risultati non sono mai o quasi mai immediati e spesso quando l’obiettivo viene raggiunto, diventa ancora più difficile mantenere il peso forma.

Questa dieta ha suscitato l’interesse di molte celebrità internazionali, dato che consente di generare risultati rapidi soprattutto duraturi.

Si tratta di un regime alimentare diventato famoso in Francia intorno agli anni 2000, attraverso l’omonimo libro pubblicato dal dottor Pierre Dukan, uno specialista in nutrizione con oltre 35 anni di esperienza. Il suo bestseller è stato pubblicato in molti paesi del mondo e tratta di una dieta che si può definire proteica, che promette di realizzare una perdita di peso in maniera efficace senza rischio di effetti yo-yo tipici delle classiche diete.

Dieta dukan come farla: 4 fasi e regole generali

Questa dieta si compone di quattro fasi, due per dimagrire e due per conservare il peso raggiunto: l’aspetto fondamentale è che non si soffrirà la fame! Come qualsiasi dieta ci sono alimenti consentiti ad altri proibiti, ma la particolarità di questo regime alimentare è che in ognuna delle quattro fasi tutti gli alimenti permessi possono essere mangiati a volontà.

  • In tutte le quattro tappe della dieta devi escludere qualsiasi tipo di grasso, sostituendo l’olio di oliva con il limone, le erbe aromatiche, le spezie.
  • Bisogna inoltre escludere la frittura: gli alimenti devono essere cotti attraverso bollitura, grigliati o arrostiti. Il sale va eliminato dato che promuove la ritenzione idrica e rende più difficile la perdita di peso.
  • Bisogna escludere il tuorlo d’uovo mentre l’albume contiene proteine pure ed è privo di grassi ed è quindi consentito. Bisogna inoltre bere almeno 2 l di acqua giorno per garantire il funzionamento ottimale degli organi interni ed eliminare più velocemente le tossine.
  • Si può mangiare a volontà, non bisogna rimanere mai con l’appetito.
  • Bisogna escludere le bevande alcoliche e si possono bere solo acqua, tè e caffè non zuccherati e con estrema moderazione le bibite gassate.
  • Ogni giorno bisogna fare attività fisica: va bene anche una semplice camminata di mezz’ora.
  • La crusca di avena può essere ogni giorno un alleato importante sia per introdurre carboidrati che forniscono energia al corpo sia per migliorare il transito intestinale e facilitare l’eliminazione del grasso.

Dieta dukan come farla: fase di attacco, crociera, consolidazione e stabilizzazione

  1. la fase di attacco prevede solo alimenti ricchi di proteine con l’eccezione della crusca di avena e di frumento. In questa fase, che dura da due a sette giorni, puoi perdere da uno fino a cinque chili a seconda del tuo metabolismo e dell’attività fisica. Puoi mangiare carni magre senza aggiunta di grassi, pesce, frutti di mare, uova sode (per un massimo di due al giorno), yogurt e latte magro, proteine vegetali come tofu e seta. Gli alimenti proibiti sono pane – riso – pasta – patate – frutta e dolciumi
  2. La seconda fase detta di crociera prevede l’introduzione di legumi e verdure escludendo ancora carboidrati e dolci eccetto la gelatina per non compromettere il processo di dimagrimento. I legumi e le verdure devono essere consumati a crudo oppure cucinati con acqua e pochissimo sale. L’olio di oliva deve essere sostituito preferibilmente con limone e pepe, erbe aromatiche o aceto balsamico. Bisogna alternare un giorno le proteine e il seguente proteine + legumi e verdure. Nel giorno in cui assumi solo proteine utilizza un cucchiaio di bacche di Goji e nell’altro due cucchiai. La perdita di peso prevista è di mezzo chilo ogni cinque giorni e questa fase può durare abbastanza tempo soprattutto quando è necessario perdere molti chili. La fase termina quando raggiunge il peso ideale. Gli alimenti consentiti sono pomodori, cetrioli, lattuga, funghi e melanzane, bietole, ravanelli, rape e tutti i legumi (tranne i cibi ricchi di amido quali patate – riso – mais – piselli, fagioli – lenticchie e ceci). Sono consentiti anche tutti gli elementi della prima fase. Da questa fase puoi eventualmente consumare un filo di olio d’oliva extravergine ogni giorno. Una volta settimana per un massimo di 200 g puoi utilizzare anche carote, carciofi e barbabietole. Gli alimenti proibiti rimangono carboidrati, dolci e frutta.
  3. La terza fase di consolidazione dura 10 giorni per ogni chilo perso quindi se devi perdere cinque chili questa fase di consolidazione durerà 50 giorni. Riso, frutta e pane possono essere reintrodotti e avrai diritto a due pasti liberi a settimana. Da questo momento in poi e per tutta la vita, riserverai un giorno della settimana alla fase di attacco, quindi solo proteine. La frutta da evitare in questa fase è rappresentata da banane, uva, castagne e ciliegie.
  4. La fase di manutenzione dura per tutta la vita: niente è proibito ma una volta a settimana bisogna seguire la prima fase e ricordarsi di consumare ogni giorno tre cucchiai di minestra e di crusca di frumento e di avena che garantiscono una buona dose di fibre (indispensabile sia a raggiungere prima il senso di sazietà sia a mantenere l’intestino sano e più pulito). Obbligatorio mangiare tre porzioni di frutta al giorno mentre dolci e carboidrati vanno limitati ad un massimo di due volte a settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>