Cos’è l’infiammazione e come aiutarla a guarire

Le infiammazioni rappresentano la naturale risposta del nostro corpo in un processo di guarigione. Quelle acute in particolare seguono traumi e ferite e sono correlate a determinate reazioni chimiche interne. Di solito la prima soluzione che viene trovata è quella di ingerire farmaci antinfiammatori o cortisone nei casi più gravi, che aiutano a controllare il dolore ma che risultano tuttavia rischiosi perché rallentano il naturale processo di riparazione endogena.

Assumere un antinfiammatorio significa inibire la sintesi delle prostaglandine che aiutano i nostri vasi ad essere più dilatati, lasciando passare più sangue. Quindi il processo di guarigione verrà in questo modo ritardato per via del minore flusso ematico. Le infiammazioni più importanti e difficili da contrastare sono quelle croniche che inizialmente non hanno sintomi visibili e iniziano da infiammazioni di grado inferiore trscurate.

Supplementi naturali per risolvere le infiammazioni

La cosa importante non è soffocare il sintomo ma risolvere la causa alla radice. Il nostro corpo produce degli ormoni in presenza di acidi grassi e insulina che possono essere promossi anche da una dieta ricca di omega tre e omega sei e di integratori che li contengono. Esistono due famiglie di eicosanoidi che possono essere ormoni che favoriscono o che inibiscono l’infiammazione.

Deve esserci equilibrio tra queste due varietà per mantenere un equilibrio anche nella salute ed evitare le infiammazioni croniche. Uno squilibrio che andasse a vantaggio degli ormoni che favoriscono le infiammazioni determinerebbe disturbi estremamente differenti, da un’allergia all’artrite, dall’asma all’ipertensione, dall’Alzheimer alla depressione fino alle malattie degenerative e ai tumori e così via.

Lo stile di vita occidentale è tendenzialmente favorevole all’infiammazione per via dell’ingestione di alimenti poveri di nutrienti ed eccessivamente calorici. La qualità delle calorie inoltre provenienti da carboidrati da un elevato indice glicemico e grassi industriali è un altro indice che eleva il rischio. Inquinamento e stress infine sono altri due fattori che contribuiscono a favorire le infiammazioni interne, alimentando quelle molecole che favoriscono i processi infiammatori stessi.

Acido alfa-lipoico e curcuma per contrastare le infiammazioni in modo naturale

Ci sono alcuni integratori particolarmente adatti a prevenire e trattare le infiammazioni anche di carattere cronico. La prima attenzione andrebbe rivolta all’adeguamento dello stile di vita e all’ambiente in cui si vive ma per migliorare la situazione individuale rapidamente questi prodotti risultano molto efficaci.

Il primo degli attivi che andremo a descrivere è l’acido alfa-lipoico che potrebbe essere accostato ad un acido grasso che partecipa alla sintesi energetica. Grazie al suo potenziale antiossidante protegge le membrane dei radicali liberi e aiuta a rigenerare le vitamine E e C. L’acido alfa lipoico riduce le infiammazioni soprattutto quelle che riguardano il fegato ed il cuore e viene somministrato con successo in ambito clinico per i casi di tumore e di resistenza all’insulina. Le indagini scientifiche consigliano di assumere dai 300 ai 600 mg al giorno e non sono segnalati effetti collaterali rilevanti anche con assunzioni protratte a lungo nel tempo fino a sette mesi.

La curcumina è il principio attivo della curcuma che va ad agire direttamente riducendo l’infiammazione anche nei casi di tumore, diabete e malattie cardiache. La curcumina può migliorare i sintomi legati all’artrite e alla sindrome metabolica. La migliore assimilazione si ottiene associandola alla piperina che è l’attivo contenuto del pepe nero aumentando l’assorbimento complessivo del 2000%. Gli integratori specifici sono di solito già formulati in maniera da contenere sia l’attivo che l’attivatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>