Come dimagrire nei punti desiderati

perdi peso velocemente senza stress

A volte il problema non è dimagrire, ma perdere peso in specifiche zone del corpo: gli uomini ad esempio combattono spesso contro le maniglie dell’amore, mentre le donne sono impegnate con gli accumuli adiposi all’altezza dei fianchi. Spesso si offre come spiegazione del fenomeno un accumulo di grasso vecchio e ostinato, sedimentato da lungo tempo e quindi più difficile da smaltire.

In realtà questa non è la spiegazione esatta perché il grasso viene continuamente rinnovato attraverso i vari meccanismi lipolitici e lipogenetici che avvengono nelle cellule senza sosta. Il bilancio calorico è alla base delle variazioni di peso: ma come mai in alcune zone risulta più difficile dimagrire e più facile cumulare tessuto adiposo?

Come dimagrire: i morfotipi androide e ginoide

Per fornire una risposta bisogna prendere in considerazione gli ormoni e la circolazione. L’accumulo di grasso è un fenomeno che riguarda non solo le persone in stato di obesità ma anche quelle normo peso:

  1. si parla di morfotipo androide per gli individui che tendono ad accumulare grasso nella parte superiore del corpo, situazione più comune presso gli uomini
  2. e ginoide per i soggetti che invece tendono ad ingrassare nella parte inferiore, spesso situazione tipica delle donne.

Esiste poi una terza tipologia mista che tende ad ingrassare in maniera omogenea in tutto il corpo. Tra le varie categorie di grasso, quello ginoide è più difficile da smaltire perché le sue cellule hanno un turnover più lento rispetto al grasso sottocutaneo della parte superiore.

Come dimagrire: l’importanza degli ormoni

Questo implica che il deficit calorico e l’allenamento possano essere sufficienti per smaltire il grasso sottocutaneo tipico della regione addominale. Alla base di queste distribuzioni differenti ci sono gli ormoni che a seconda delle circostanze possono favorire o meno l’accumulo del grasso: il cortisolo e il testosterone sono gli ormoni alla base del morfotipo androide, gli estrogeni caratterizzano invece quello ginoide.

La dieta e l’allenamento producono un effetto lipolitico che viene mediato dalle catecolamine, ossia adrenalina e noradrenalina che tendono a esplicare la loro azione brucia grassi nel tessuto adiposo in base ai recettori presenti.

Come dimagrire: la circolazione del sangue

Per quanto riguarda la circolazione del sangue si tratta di un altro fattore determinante nella difficoltà a perdere peso in certe zone del corpo. Anche chi è in sovrappeso normalmente non presenta grandi quantità di grasso degli avambracci e nei polpacci che sono le zone del corpo più magre. Questo si spiega pensando al fatto che sono caratterizzate da una frequente contrazione muscolare sollecitata continuamente nei movimenti che svolgiamo durante l’arco della giornata e che favoriscono quindi un migliore flusso di sangue.

Maggiore quindi è il flusso ematico e minore è la tendenza ad accumulare grasso in quella zona: quindi aumentando il flusso di sangue tendono a diminuire i tessuti adiposi. Bisogna notare che anche questo fenomeno è regolato dagli stessi recettori che determinano il metabolismo delle cellule adipose, che possono essere quindi stimolate o meno rispetto alla loro ubicazione nella parte alta o bassa del corpo

La sola alimentazione non può risultare efficace a stimolare una migliore circolazione del sangue ed è quindi utile a tale fine svolgere esercizi fisici localizzati che stimolino il flusso nelle aree dove è presente un accumulo adiposo, per alleviare la vasocostrizione che determina l’eccesso di grasso. La dieta deve essere sempre bilanciata in base ai propri obiettivi di dimagrimento (a tale proposito si parla di cronomorfodieta).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>