Aloe vera, benefici e controindicazioni

L’aloe è una pianta dalle caratteristiche botaniche uniche e la famiglia cui appartiene conta oltre 350 varietà di cui ben 132 catalogate solamente nel sud Africa. Per il suo interesse curativo ed anche cosmetico ricordiamo in particolare l’aloe vera, una pianta perenne che cresce a cespuglio diramando foglie lunghe e carnose, contenenti il gel dell’attivo.

Questo vegetale è originario dell’Africa e la sua diffusione nel resto del mondo è successiva alle missioni di Cristoforo Colombo e Amerigo Vespucci. Le foglie vengono tagliate di solito quando la pianta raggiunge la piena maturità ossia a partire dai quattro anni con incisioni longitudinali da cui fuoriesce un liquido che rapidamente tende a rapprendersi e cicatrizzare la foglia per evitare che altra linfa possa uscire. Raccogliendo questo ricco gel e lavorandolo direttamente nel luogo di origine si ottiene una materia prima di altissima qualità che si può conservare almeno per tre anni.

Aloe vera, cosa contiene

I componenti principali di questo gel garantiscono sostegno al sistema immunitario, aiutano a cicatrizzare le ferite, lavorano come antiinfiammatori e antidolorifici e apportano enzimi, vitamine e sali minerali. Quando leggiamo sulle confezioni la dicitura gel puro significa che il gel concentrato è stato raccolto e immediatamente stabilizzato con sostanze addensanti per un utilizzo topico, adatto alle preparazioni cosmetiche e salutistiche.

Il succo della aloe ottenuto utilizzando l’intera foglia può essere ingerito per approfittare di diversi benefici. A seconda del grado di purezza l’aloe può esplicare anche un effetto purgante oppure assunto in maniera più diluita con preparazioni più delicate sull’intestino per ottenere comunque un effetto immunomodulante e detox. In commercio esistono numerose formule il cui grado di purezza può essere valutato analizzando i componenti dichiarati in etichetta. In ogni caso si tratta di una sostanza estremamente ricca di sali minerali e molte vitamine, come le vitamine del complesso B compresa la B12, vitamina C, vitamina E ed aminoacidi essenziali. Il gel sotto forma liofilizzata può essere utilizzato anche in compresse o capsule come antinfiammatorio, stimolatore del sistema immunitario, per favorire la cicatrizzazione di ferite, scottature ed ustioni.

Succo di aloe e controindicazioni

I benefici dei succhi ottenuti dalle diverse varietà sono piuttosto simili con differenze che riguardano soprattutto la consistenza del gel e il tipo di lavorazione necessaria per poterlo commercializzare. Indicativamente si possono bere dei 50 ai 200 ml ogni giorno facendo attenzione a conservare in frigo il prodotto, specialmente quello in forma liquida, e lontano dai raggi solari e dagli sbalzi di temperatura. Per quanto riguarda le controindicazioni, eccetto allergie a componenti specifici, non sono noti effetti collaterali degni di nota.

L’unico aspetto importante da considerare oltre alla purezza del preparato è il sapore, qualora si scelga di acquistarlo sotto forma di succo da ingerire dato che risulta estremamente amaro – salvo sia stato dolcificato o lavorato diversamente. In alternativa, come accennato, è possibile assumere l’aloe attraverso integratori specifici già dosati sottoforma di pratiche capsule e compresse. Si suggerisce un’assunzione per cicli e in tutti i casi in cui risulti necessario incentivare il proprio sistema immunitario come ad esempio in avvicinamento alla stagione invernale o a seguito di trattamenti farmacologici per aiutare l’organismo a depurarsi.

Il gel cosmetico ad uso topico può essere anch’esso conservato in frigorifero per abbinare alle qualità della aloe anche quelle della terapia del freddo: le applicazioni sono estremamente efficaci su scottature ed ustioni, e per trattare la pelle dopo la depilazione e le epilazione sia dell’uomo che della donna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>