Addominali come farli? Consigli per muscoli grossi e definiti

aminoacidi-naturali

Addominali: come farli? È sufficiente andare in palestra e mangiare bene? Aumentare e scolpire la propria parete addominale è il sogno della maggior parte dei frequentatori della palestra: quasi tutti gli esercizi che si eseguono ricadono su questo gruppo muscolare. Il suo sviluppo viene considerata una vera e propria priorità dato che un addome forte consente di gestire al meglio tutti gli esercizi che riguardano anche la schiena, la zona lombare e il collo.

Per sviluppare al massimo i propri addominali non basta solo trascorrere molte ore in palestra: uno dei momenti più importanti è l’appuntamento con la tavola e fare attenzione alla propria dieta diventa fondamentale per perdere grasso addominale.

Addominali come farli: consigli pratici

Ecco allora alcuni consigli pratici ed efficaci che devi osservare per portare al massimo la tua muscolatura addominale:

  • allena gli addominali da due a quattro volte ogni settimana
  • osserva i giusti tempi di recupero dato che i tessuti devono avere il tempo di riparare le piccole lacerazioni legate all’allenamento intenso
  • quando esegui i movimenti non sforzare il collo e concentrati solo su quella fascia muscolare per trarre il massimo da ogni movimento. Le mani devono essere collocate dietro la testa oppure all’altezza delle tempie.
  • Per costruire degli addominali forti e prominenti sono sufficienti 15 o al massimo 20 minuti per ogni sessione, conservando una intensità elevata e alternando 30 secondi di riposo.
  • Esegui le ripetizioni variando le velocità, passando da un ritmo più rapido ad uno più controllato (ma comunque sempre costante). L’aumento della velocità delle contrazioni consente di utilizzare più fibre muscolari e reclutare tutte le unità motorie in maniera da sviluppare al massimo le dimensioni della parete addominale.

Addominali come farli: aerobica a digiuno e integratori contro la ritenzione idrica

Ricorda di lavorare su tutti i muscoli, quelli superiori, inferiori e laterali: puoi svolgere due esercizi per ogni regione dell’addome con tre o quattro serie per ogni tipologia di esercizio, eseguendo da un minimo di 10 fino a un massimo di 20 ripetizioni.

L’attività aerobica è importante per bruciare le calorie e scolpire i muscoli addominali, quindi non sottovalutare l’utilità della corsa, della camminata veloce, della bicicletta e del nuoto che sono esercizi eccellenti. Funzionano soprattutto se riesci a svolgerli al mattino a digiuno, quando cioè il corredo ormonale del corpo è predisposto a bruciare grassi. Se riesci ad osservare questa abitudine regolarmente, il tuo metabolismo si attiverà per tutta la giornata e quindi continuerai a bruciare lo strato adiposo non solo durante l’allenamento ma anche nelle ore successive.

Durante il giorno ogni occasione è buona per svolgere semplici esercizi di contrazione del tuo addome: concentrati sullo stomaco e con forza espelli tutta l’aria resistendo per 15 secondi almeno. In questo modo riuscirai controllare ancora meglio la tua muscolatura.

È importante svolgere esercizi composti come lo squat e le flessioni alle parallele, che determinano un sovraccarico sulla parete addominale e lombare, spingendone la crescita al massimo. Lascia quindi gli esercizi specifici alla fine dell’allenamento.

Se i muscoli sono coperti oltre che da uno strato adiposo anche da un film liquido, puoi combattere la ritenzione idrica bevendo di più, eliminando il sale e i prodotti salati (non basta l’elenco degli ingredienti, verifica sempre le etichette nutrizionali, per ogni 100 g di prodotto ci devono essere al massimo 0.3 grammi di sale) e utilizzando integratori specifici come drenanti e diuretici. Anche in questo caso parliamo di integratori da utilizzare con moderazione e ciclicamente, solo quando servono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>