Acetil carnitina: dimagrimento e benessere dello sportivo

acetil carnitina per il dimagrimento

L’acetil carnitina è la forma acetilata dell’aminoacido carnitina, sostanza che l’organismo umano utilizza prevalentemente nelle funzioni energetiche mitocondriali. Nei mitocondri infatti si svolge l’ossidazione degli acidi grassi, che vengono poi utilizzati a scopo energetico.

L’acetil carnitina, prodotta anche direttamente dal nostro corpo, svolge altre importanti attività: è funzionale alle attività cerebrali e cardiache, e al benessere dei muscoli. Inoltre partecipa alla sintesi del neurotrasmettitore che si occupa della memoria (e non solo), l’acetilcolina.

Acetil carnitina: a cosa serve e cosa ci accade quando manca

La prima funzione dell’acetil carnitina è sicuramente quella di carrier degli acidi grassi che grazie ad essa attraversano la membrana cellulare e possono raggiungere i mitocondri per l’ossidazione energetica, processo durante il quale si sintetizza il glucosio (soprattutto quando siamo carenti di carboidrati).

Una caratteristica probabilmente meno nota di questo integratore è invece la sua attività di anti ossidante: l’acetil carnitina previene e combatte i radicali liberi, responsabili di danni cellulari e acceleratori del processo di invecchiamento. Integrando questa sostanza inoltre contribuiamo al corretto funzionamento cerebrale, attraverso un sostegno energetico e plastico, durante il processo di crescita di nuove fibre nervose. Il corpo inoltre utilizza l’acetil carnitina per smaltire la beta-amiloide e per favorire le trasmissioni nervose.

Tale supplemento è quindi molto attivo sulla salute cerebrale ma ha anche benefici effetti su salute cardiaca, poichè aumenta il flusso ematico verso il cervello, e su quella riproduttiva maschile (migliorando la capacità di movimento degli spermatozoi).

Cosa può succedere quando siamo in carenza di acetil carnitina? Sicuramente numerosi sono i rischi per la salute, anche gravi, dato che abbiamo compreso come tale aminoacido sia utile per il benessere del cervello (e non solo). Si determina una carenza primaria o secondaria: la prima solitamente si verifica nella prima infanzia e dalla nascita, mentre la seconda è meno severa ed è tipica degli adulti. In ogni caso la causa di tale carenza è una alimentazione sbilanciata.

Grazie ad un supplemento di acetil-carnitina garantiamo un beneficio anche in termini di prevenzione oltre che di diretto benessere sul nostro organismo e ne beneficia anche l’energia fisica a disposizione dello sportivo.

Acetil carnitina e dimagrimento

Approfondiamo a questo punto uno degli aspetti che più probabilmente interessano i frequentatori delle palestre: il legame tra acetil carnitina e dimagrimento. Tanti sono ormai gli studi che hanno dimostrato che l’integrazione di tale aminoacido acetilato induce la perdita di peso. Questo accade perchè aumenta l’energia disponibile per l’esercizio, energia che viene ricavata degradando grassi, come abbiamo visto, a livello mitocondriale.

Grazie all’acetil carnitina quindi ci può allenare più a lungo, e consumare allo stesso tempo una percentuale maggiore di grassi, migliorando la composizione corporea a favore della massa magra. Per quanto riguarda più nello specifico qualche indicazione di assunzione, la letteratura scientifica sportiva suggerisce un ciclo di 4 settimane assumendo 200 mg al giorno, per osservare un effetto brucia grassi e dimagrante. Accelerando il catabolismo lipidico, l’acetil carnitina favorisce la riduzione della massa grassa e contemporaneamente accelera la produzione di glucosio da cui poi verrà ricavato l’ATP, molecola ad elevato potenziale energetico indispensabile per le attività di potenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

//]]>